giovedì 24 dicembre 2015

Verità Sulle Auto Elettriche



Forse non tutti sanno che le automobili elettriche non sono figlie delle nuove tecnologie: esse esistono da ben prima che Tesla Motors o General Motors lanciassero i loro prototipi, vent’anni fa. Infatti prima dell’invenzione della combustione interna, diversi pionieri (e anche qualche sognatore) si sono dedicati a sviluppare quest’impresa con molta passione, qualche difficoltà e diversi successi. La mancanza di prospettiva storica porta però a non capire come siano veramente andate le cose e ad appiattire la storia dell’auto alla sola combustione a petrolio. Nelle prossime pagine cercheremo di fare chiarezza su 12 passaggi fondamentali della storia delle auto elettriche. Iniziamo scoprendo l’origine di tutto: chi realizzò il primo prototipo di auto elettrica?



Il primo prototipo fu costruito nel 1830 dallo scozzese Robert Anderson. Le batterie però non erano ancora ricaricabili, quindi il veicolo somigliava più a un trucco da salotto che a un’automobile. Una cosa del tipo “Non ci sono cavalli né buoi, eppur si muove!”. 


Sette anni dopo, un altro scozzese, Robert Davidson di Aberdeen, costruì addirittura un prototipo di locomotiva elettrica. Nel 1841 ne fece una versione più grande, che poteva viaggiare per quasi un chilometro a una velocità di 4 miglia all’ora trainando 6 tonnellate.

Il problema era di nuovo quello delle batterie, ma le prestazioni erano così notevoli che preoccuparono i lavoratori della ferrovia che distrussero il prototipo che Davidson aveva soprannominato “Galvani”. 


Forse non tutti sanno che le batterie ricaricabili non sono un’invenzione del ’900 ma sono nate nel 1859 e già allora fecero ben sperare i sostenitori delle macchine elettriche. Nel 1890, un chimico scozzese di Des Moines, Iowa, tale William Morrison, chiese di registrare il brevetto di un carrello elettrico costruito forse già nel 1887 e apparso in una parata della città l’anno successivo.

Trazione anteriore, 4 cavalli, velocità massima di 20 miglia all’ora e 24 batterie che dovevano essere ricaricate ogni 50 miglia. 

Electrobat: non vi sembra un grande nome? Esso designa il primo sforzo commercialmente valido dell’auto elettrica. Andiamo a Filadelfia. Nel 1984, Pedro Salom e Henry G. Morris brevettano un’auto elettrica e la registrano con il nome di Electrobat.

All’inizio molto pesante e lento, nel tempo l’Electrobat inizia a utilizzare pneumatici e materiali più leggeri fino a diventare, nel 1896, una carrozza sterzante con due motori da 1.1 kW in grado di viaggiare per 25 miglia a una velocità massima di 20 all’ora. 

Il belga Camille Jenatzy, un costruttore di carrozze elettriche che vive nei pressi di Parigi, chiede a diversi piloti di guidare i suoi veicoli con l’intento di promuovere la sua impresa e, nel 1899, finalmente batte un record mondiale: durante una gara, la sua Jamais Contente ( letteralmente “Mai soddisfatta”) riesce a rompere la barriera dei 100 km orari. La macchina aveva questa terribile forma a cilindro ma anche una coppia di motori ad azionamento diretto da 25 kW, ciascuno in azione raggiungeva 200 volt e 124 ampere (circa 67 cavalli), era in lega di alluminio leggera e montava pneumatici Michelin.


Sapete che tra i pionieri dell’auto elettrica si può annoverare anche Thomas Edison? Questo nella foto è lui, insieme al suo amico Henry Ford: siamo nel 1902 e questa è la sua Studebaker. Prima di decidere che il motore a benzina era più conveniente, anche Edison e Ford provarono a costruire un prototipo elettrico: il problema principale erano le fonti di approvvigionamento del carburante. A quei tempi infatti l’elettricità non era ancora ampiamente disponibile al di fuori della città e questo limitava fortemente il mercato di auto essa legate.
Sapete che quando il presidente degli Stati Uniti William McKinley fu vittima di un attentato durante il tour newyorkese, nel 1901, venne trasportato in ospedale a bordo di un’ambulanza a trazione elettrica? Si trattava di un modello molto simile a quello che c’è in questa foto (e che recentemente avrete visto nella serie tv della HBO “The Knick”).

Grazie a quella corsa McKinley sopravvisse al colpo di pistola, ma morì alcuni giorni dopo per un’infezione della ferita. Sfortuna a parte, McKinley fu il primo presidente motorizzato della storia degli Stati Uniti.

Poteva andare a 25 miglia all’ora per 80 miglia: questa Detroit Electric del 1923 è figlia di un’azienda che è riuscita a scalzare case come la Baker e la Milburn, considerate molto più innovative. Nonostante in quel periodo le macchine a combustione interna iniziassero a prendere piede, quelle elettriche avevano ancora mercato soprattutto grazie alle donne, che spesso non gradivano usare la manovella per avviare il motore, così le zone commerciali delle città erano dotate di stazioni per ricaricare le batterie delle macchine.
Va però detto che la Ford Modello T era molto più conveniente della Detroit Electric: nel 1923, la T costava 300 dollari, mentre la maggior parte delle auto elettriche costava 10 volte tanto. Macchine per ricchi, ovviamente. Tranne che per la moglie di Ford, Clara, che trovava le macchine del marito sporche e rumorose e perferiva di gran lunga le alternative elettriche, come le Detroit Electrics.

Ironia della sorte, è stato un motore elettrico che è diventato il vero nemico di vetture alimentate a batteria e ha contribuito a superare le obiezioni di Clara: sto parlando dell’avvento del motorino di avviamento elettrico, inventato da Charles Kettering a Dayton Engineering, per la Cadillac del 1912.
La benzina batte senza possibilità di ritorno l’elettricità poco prima della seconda guerra mondiale. A quell’altezza, la maggior parte dei produttori di auto elettriche si erano convertiti alla combustione interna o avevano cessato l’attività.

In città però i veicoli elettrici mantenevano ancora dei punti di forza, soprattutto grazie alla bassa velocità: in Gran Bretagna per esempio, fino al 1980 e oltre, si continuarono ad utilizzare veicoli elettrici per le consegne a domicilio; mentre nel Giappone del dopoguerra fu proprio la scarsità di benzina a convincere il governo a incoraggiare la produzione di auto elettriche.


La General Motors iniziò a sperimentare le auto elettriche negli anni ’90 e quello che vedete in foto è uno dei primi risultati: si chiama Electrovair ed è del 1996 (anche se l’originale è di 30 anni prima). Esotiche batterie d’argento e zinco producono un’energia di 532 volt per alimentare un motore a induzione a corrente alternata con 115 cavalli vapore.

Il problema principale era il peso: si trattava in totale di 800 chili in più rispetto la Corvair standard. La velocità massima era di 80 miglia all’ora, ma il colpo di grazia dal punto di vista del marketing era il costo delle batterie: 160mila dollari per batterie con una vita di 100 cicli al massimo.
Poiché la storia viene scritta dai vincitori, spesso ci si dimentica che il fallimento è un’esperienza molto comune tra le start-up. Ciò è particolarmente vero nel settore auto, dove l’elenco dei veicoli elettrici non del tutto spettacolari ha di recente incluso Coda e Aptera. Ma c’è un caso recente che non possiamo non nominare, per chiudere questo pezzo. Il protagonista è un sognatore, Shai Agassi, che nel 2009 fonda Better Place con un investimento di oltre 850 milioni di dollari. L’azienda fallisce nel 2013 ma, prima, riesce a strappare una collaborazione importante con Israele, Danimarca e con Renault, per costruire una macchina all’altezza dei suoi sogni, le cui batterie potessero essere sostituite anziché ricaricate a bordo.

Agassi era molto bravo a vendere la sua idea, un po’ meno bravo nei rapporti con le case automobilistiche. Così le stazioni della Better Place per la sostituzione veloce delle batterie si ritrovarono un po’ vuote: le macchine vendute furono pochissime (meno di 1500 Renault).


.



Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.

sabato 19 dicembre 2015

Energia per il 2016


Se sei curioso o non ci credi va bene lo stesso
scopri



LEGGI ANCHE

COME SARA' LA TUA VITA SESSUALE NEL 2016






Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.

domenica 13 dicembre 2015

Vita Sessuale e Kamasutra nel 2016




Come sarà la tua vita sessuale #kamasutra
 dal 1 gennaio al 31 dicembre 2016 per tutti i segni zodiacali



Previsioni per il 2016 
SESSO
Se durante il 2015 avete battuto la fiacca fra le lenzuola, non vi resta che sperare in un 2016 decisamente più sexy! Quali sono i segni zodiacali che l'anno prossimo 
conquisteranno la palma della sensualità? 
 Ecco, segno per segno, il vostro futuro nella sessualità:



 sensualità al top
Non c'è dubbio che questo sarà un anno buono per l'Ariete e per la sua sessualità. Chi è single potrà sperare in nuovi incontri che porteranno una ventata di freschezza e passione in camera da 
letto. E chi è in coppia? Udite, udite: questo è l'anno in cui anche la coppia più arrugginita potrà cogliere l'occasione per risvegliare la passione sopita..continua a leggere




 l'era del coinvolgimento
Il toro è uno dei segni più passionali dello zodiaco, inutile dirlo, ma quest'anno farà davvero scintille! Alla sua voglia di dominazione in camera da letto si aggiungerà un maggiore coinvolgimento dal 
punto di vista sentimentale che scatenerà e appagherà tutti i sensi...continua a leggere




la fantasia al potere
Un ottimo anno in camera da letto anche per i Gemelli. In passato avete usato troppo la mente quando arrivavate al sesso, adesso è venuto il momento di lasciare spazio alla fantasia e 
all'improvvisazione e scoprire nuove sensazioni che 
non pensavate di poter provare...continua a leggere




 ritrovando l'intesa
Il Cancro è sognatore e sentimentale e talvolta dimentica che l'amore non è fatto solo di belle parole, ma anche di fatti. Il 2016 è il momento giusto per ricostruire un'intesa sessuale con il partner, 
perché anche voi sentirete più potenti il richiamo 
della sessualità...continua a leggere



 nuove esperienze in arrivo
Cosa succedere nella stanza da letto del Leone? E' di scena la trasgressione! Il rapporto con il partner si farà particolarmente passionale e sarete pronte ad aprire le porte della vostra fantasia 
anche a pratiche verso le quali finora vi eravate dimostrate 
un po' scettiche...continua a leggere




 senza freni
Beate le donne della Vergine, perché quest'anno si divertiranno davvero tanto in barba alle inibizioni che in passato le hanno frenate. Questo è l'anno per scatenarsi, lasciarsi andare e provare 
quelle posizioni che neanche nei vostri sogni più torbidi...continua a leggere




 è ora di inventarsi qualcosa di nuovo!
Attenzione amiche della Bilancia, questo 2016 si annuncia piatto in camera da letto, datevi da fare per scuotere un po' la situazione o rischerete di trovarvi davvero poco soddisfatte! Se non trovate 
un partner adatto alla situazione potete sempre provare a 
movimentare da sole la faccenda...continua a leggere




 un po' di sana quotidianità
Le single dello Scorpione potranno effettivamente sperare in un anno frizzante, fatto di tanti nuovi incontri, mentre per quanto riguarda chi è in coppia...attente alla routine! Passare da rapporti 
frequenti e soddisfacenti a timbrare il cartellino del sesso è facile: fate che non accada, perché quest'anno la possibilità c'è...continua a leggere




 posizione d'equilibrio
Sarete felici a letto amiche del Sagittario? Si, se riuscirete a dare la stessa importanza al vostro partner invece di comportarvi da vere dominatrici. Le posizioni doppie e simmetriche saranno in 
questo senso vostre amiche e irrinunciabili compagne di letto...continua a leggere




 irrinunciabile tocco di follia
Non c'è che dire, un po' come il Toro anche il Capricorno fa faville a letto. Per il voi e il vostro partner il 2016 sarà davvero un anno d'oro, ricco di intesa e piaceri: non tiratevi indietro e scoprirete 
sensazioni davvero incredibili...continua a leggere



la passione vince l'amore
E' facile innamorarsi per l'Acquario, ma è ancor più facile stancarsi del partner. Cosa fare allora? Godersela! A letto potrete dare il meglio di voi senza preoccuparvi più di tabù che fino a poco tempo 
fa tenevano la vostra mente occupata...continua a leggere



 1+1 non fa 2
Ma fa 3! Questo per le donne dei Pesci è l'anno della fertilità: largo allora a tutte quelle posizioni che facilitano la gravidanza. Molto bene di conseguenza anche l'appetito sessuale che crescerà 
man mano che l'anno avanza...continua a leggere


LEGGI ANCHE
Scopri Quanto Sei Geloso/a
.



Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.

martedì 1 dicembre 2015

Il Mega Impianto Solare del Marocco



Il mega impianto solare del Marocco
Sta per entrare in funzione la centrale solare termica più grande al mondo, che soddisferà il fabbisogno energetico di circa un milione di persone.

 Marocco: il più grande impianto solare termico del mondo. Costruito nel deserto sabbioso del Sahara, vicino alla città di Ouarzazate, è grande come 35 campi di calcio e fornirà energia elettrica pulita a circa un milione di persone.

BACIATO DAL SOLE. 
Il complesso sfrutta tre diverse tecnologie: un sistema a concentrazione solare da 
160 MW; un impianto solare termodinamico a specchi parabolici da 300 MW; una serie di collettori 
parabolici a cilindro da 150 MW complessivi.

Il meccanismo di funzionamento generale (diverso dal fotovoltaico) prevede l'accumulo di radiazioni 
solari sotto forma di calore, che nel corso della notte viene convertito in elettricità mediante l'ausilio di una turbina a vapore. La resa è garantita dal fatto che gli specchi mobili puntano sempre verso il Sole - una costante nel deserto africano. Si stima che a pieno regime l'impianto produrrà energia per 20 ore al giorno.

UN FUTURO PIÙ VERDE. 
La costruzione della mega centrale da 500 MW, ad opera della compagnia 
saudita ACWA Power, rappresenta il primo passo di un programma molto più ampio, che punta a 
svincolare il Marocco dall'importazione di combustibili fossili. L'obiettivo è quello di ottenere il 42% dell'energia elettrica da fonti rinnovabili entro il 2020, con un conseguente taglio del 32% delle emissioni di anidride carbonica per il 2030.

La vendita dei megawatt in eccesso potrebbe inoltre favorire 
il flusso di energia pulita vero l'Europa.

.



Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.

Sesso Gelosia Amore Zodiaco 2016



Scopri Quanto Sei Geloso/a In Base Al Tuo Segno Astrologico?
Anche se la gelosia è un sentimento umano, può essere più o meno presente in base al segno zodiacale. Scopri quanto sei geloso in base al tuo segno astrologico.
Cliccando sulle immagini di ogni segno verrai diretto alla pagina delle caratteristiche del segno di appartenenza , buona lettura e buon divertimento, grazie.




l’ariete è molto geloso. Forse non è così tanto geloso da stressare il partner ogni volta, ma è molto impulsivo. Questa impulsività può essere dettata dalla gelosia.





Più che geloso, il toro è possessivo. Questa cosa è evidente sia nella vita amorosa che negli altri settori della vita. Infatti, quando fanno parte di una relazione amorosa, 
mettono tutte le loro speranze in essa.




i gemelli sono indipendenti, celebrali e preferiscono stare lontani dai conflitti. Se loro non sono gelosi, vogliono che i loro partner siano come loro. Però non significa che loro siano indifferenti.




la gelosia del cancro è causata da una mancanza di credenza in sé stessi. Il Cancro non è geloso solo che ha bisogno di sentirsi al sicuro, ha bisogno di attenzioni ed amore per sentirsi bene.




il leone non è geloso, è possessivo. Passionale, al leone piace dominare, ha bisogno di sentirsi fiero nelle braccia della persona amata. Nel caso del leone la gelosia è un gioco simpatico.





la vergine si mostra gelosa solo quando tutto è evidente. La vergine analizza tutte le possibilità e pensa due volte prima di fare qualcosa.




la bilancia è più tollerante che gelosa. La tolleranza è la principale qualità della bilancia, detto ciò non possiamo affermare che la bilancia sia una persona gelosa.




anche se ha la tendenza di essere geloso, non dobbiamo dimenticare che lo scorpione è esclusivo. Ha bisogno di sentirsi al sicuro ma anche di dominare. Quando perde il controllo della situazione può diventare eccessivo.




il sagittario è geloso solo in alcuni momenti. Ama la propria libertà ma crede anche nella persona che ama. La gelosia si manifesta quando non si sente più bene in quella relazione, non ha carattere.



la gelosia è di solito una causa del poco credere i sé stessi ( o anche negli altri). Il capricorno è molto capace nel tenere per sé i propri sentimenti e raramente li mostra.



possiamo considerare una persona libera come un uccello nel cielo gelosa? Saremmo tentati a dire di no ma l’acquario ha la tendenza di perdere la fiducia nell’amore.


LEGGI ANCHE LE PREVISIONI PER IL 2016



.



Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Elenco blog interessanti