martedì 20 settembre 2011

L’Italia voleva inviare scorie nucleari in India


L’Italia voleva inviare scorie nucleari in India



WIKILEAKS. Il sottosegretario Letta chiese «disperatamente» a Washington di «riprendersi» 64 barre radioattive di una centrale Usa stoccate a Rotondella. Poi provò a mandarle altrove.

Il nucleare è più pericoloso da morto che da vivo», denunciò nel gennaio 2010, alla Commissione ecomafie, il procuratore Nicola Maria Pace. Ancora di più se un Paese da l’impressione di essere incapace di gestire l’eredità atomica. Nell’impianto Itrec di Rotondella (Matera) tuttora sono stoccate 64 barre, più altri 2,7 metri cubi di materiale liquido, «ad alta radioattività». Secondo Pace, che per anni ha indagato sulla gestione delle scorie, si trovano «in strutture ingegneristiche di contenimento, che già vent’anni fa avevamo mostrato i segni dell’usura» con «cedimenti strutturali» che «avevano dato luogo a tre rilevanti incidenti nucleari». Mettendo a rischio «popolazione e ambiente». Dai cable segreti diffusi da Wikileaks e scritti tra il 2004 e il 2010, emerge che l’Italia ha chiesto «disperatamente» agli Stati Uniti di «riprendersi» quelle barre che sono all’Itrec da oltre 40 anni. Negli anni Settanta erano arrivate nel nostro Paese proprio dagli Usa per «esaminare la fattibilità tecnico-scientifica» del riprocessamento. Provengono dal reattore sperimentale Err della centrale Elk River (Minnesota), chiuso nel gennaio 1968 e realizzato nell’ambito di un progetto di ricerca italo-statunitense. Non possono essere trattate da nessun impianto europeo. Tanto che il decreto Marzano del 2004 sul trasferimento all’estero delle scorie, esclude esplicitamente il materiale di Rotondella. Restano così da allora in una piscina di stoccaggio e secondo il procuratore Pace «rappresentano ancora oggi il principale fattore di rischio dell’impianto».

Ne è cosciente anche il governo Berlusconi che però non è mai riuscito a trovare un soluzione. Nel febbraio 2004, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta, scrive una lettera all’allora ambasciatore Usa a Roma, Ronald P. Spogli. Agli americani spiega che le barre di Rotondella sono «un problema molto importante, anche dal punto di vista psicologico, da risolvere con la massima urgenza». L’Italia, aggiunge poi Letta, si rende «disponibile a trasferire il materiale negli Usa a proprie spese, sulla base degli standard americani». Ma bisogna fare presto, perché altrimenti «saremo costretti a inviarle in Russia per i prossimi 50 anni», continua il sottosegretario. «La questione è politicamente sensibile per il premier Berlusconi - commenta l’ex ambasciatore Spogli in un successivo cable del 2006 - perché sta affrontando una dura battaglia per essere rieletto nel mese di aprile». Cosa che poi non avverrà, visto il ritorno al governo del centro-sinistra di Romano Prodi, per i successivi due anni. Gli Stati Uniti descrivono Letta come «la seconda persona più potente d’Italia e uomo chiave per curare i nostri interessi». Ma si oppongono fermamente al trasferimento delle scorie negli Usa, meno che mai in Russia. Nonostante le altre 190 barre dell’Elk River siano stoccate al Savannh River National Laboratory del Sud Carolina. Il sottosegretario Letta non ci sta e nel marzo 2006 torna alla carica con una seconda lettera, dove però chiede «se gli Stati Uniti approverebbero l’invio del materiale in India». La risposta non è nota ma quelle barre sono ancora a Rotondella.

Alessandro De Pascale 

fonte:

http://www.terranews.it/news/2011/09/l%E2%80%99italia-voleva-inviare-scorie-nucleari-india







 INDIA - La Chiesa indiana:

"No" al nucleare, 

solidarietà con i non violenti che digiunano nel Tamil Nadu




New Delhi (Agenzia Fides) - la chiusura immediata dello stabilimento di Koodankulam (nel Tamil Nadu) e la cessione graduale di tutti gli impianti esistenti in India, una moratoria su tutti i progetti nucleari, un cambiamento decisivo verso fonti alternative di energia, ambiente: questi Sono le richieste presentate dalla "Giustizia e Pace" della Commissione episcopale indiana per il governo indiano, che esprime piena solidarietà verso coloro che - indipendentemente dalla etnia, religione, casta, stato sociale - hanno raggiunto il nono giorno di digiuno e di protesta non violenta nel Tamil Nadu (India meridionale) per chiedere la chiusura della centrale nucleare in Koodankulam.
In una nota inviata all'Agenzia Fides, il Segretario della Commissione, Carlo Irudayam, Vescovo Presidente, Mgr.Yvon Ambroise, e Vescovi, membri di altri, come mons. Gerald Almeida e Mgr.Mathew Arackal, esortare il governo a "garantire la protezione dei cittadini e del loro diritto alla vita", sancito dall'art. 21 della Costituzione e per proteggere l'ecosistema e la natura (articolo 51 della Carta).
I Vescovi hanno espresso amarezza relative al comportamento della polizia, che carica senza alcun motivo, i manifestanti non violenti come gli studenti, pescatori e lavoratori, al campo in un sit-in e impegnarsi in una folla sciopero della fame. Vedono un pericolo per la propria vita e la pace della mente (in caso di incidente nucleare) e una minaccia alla loro sopravvivenza quotidiana, a causa dei danni l'impianto avrà sull'ecosistema. Mons. Yvon Ambroise, "assumendo le gioie, le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini", è andato per incontrare i manifestanti, esprimendo loro il sostegno, l'incoraggiamento e la solidarietà della Chiesa indiana. (PA) (Agenzia Fides 20/09/2011)
http://www.fides.org/aree/news/newsdet.php?idnews=29887&lan=eng

.
.

ECCO DUE PROFESSIONISTI CHE TI POSSONO AIUTARE
. Macchina Lavazza in Uso Gratuito .
Lavoro nel Commerciale del fotovoltaico
per la produzione di energia elettrica
 
Marcello La Valle Cell. 327 591 96 75 m.spiegalevele@hotmail.it   http://spiegalevele.blogspot.com/2011/07/una-sfida.html .  
 
. Grepolis .

 FINANZIAMENTI PER IL FOTOVOLTAICO
Centro Italiano Riabilitazione
Via Cassinone, 9 SERIATE (BG)
- Tel. 035.941946 - Fax 035.941996 - C.F. e P.Iva 02826220168 
  sig. GIANMARIA  cell 337447612 
info@cirbergamo.it 
-----------------------

. Smeet

.

Nessun commento:

Posta un commento

Eseguiamo Siti e Blog a prezzi modici visita: www.cipiri.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post più popolari

Elenco blog interessanti